“Zenzero” di Iacopo Maccioni

Testo di: Roberto Paravani

Arezzo, AR
Patrignone: un paese nella campagna aretina, in quella piana che dalla città va verso l’Arno e quel Ponte Buriano che Leonardo collocò a fianco della sua Gioconda. Una realtà un tempo immersa nella civiltà contadina, fatta di lavori faticosi, di silenzi e in buona parte povertà. Da questo luogo emerge la voce di Zenzero – l’autore da bambino – ed altri personaggi, che una domenica prendono a raccontare del luogo, di sé stessi, della propria quotidianità e dei tanti soggetti sulla strada, nelle case e i piccoli negozi, coi propri soprannomi, le loro fisime e le fissazioni.
Lentamente prende a delinearsi una realtà che, pur collocata in un luogo preciso, ha la capacità di riguardarci tutti e appartenerci, così come il piccolo paese diventa specchio di quello più grande, oltre i dialetti e i confini geografici.
Zenzero ci appartiene perché da voce a pensieri che ognuno di noi ha avuto nella vita, e li rende grandi e preziosi, forse proprio come frutto della solitudine e della povertà. Lo confermano le voci dei paesani alla presentazione, aggiungendo storie, aneddoti e ulteriori figure, come in una sorta di altra “Storia d’Italia”.

Collana: Voci
Anno edizione: 2019
In commercio dal: 21 giugno 2019
Pagine: 174 p., Brossura

EAN: 9788832811933
Prezzo: 14,00 €

Lascia un commento

“Zenzero” di Iacopo Maccioni

×

Carrello

Questo sito utilizza i cookie tecnici, per le statistiche e di terze parti. NON utilizzo cookie di profilazione. Puoi avere i dettagli visitando l’informativa estesa sui cookie

Informativa estesa cookie | Informativa Privacy